VENDEMMIA 2010 : PARTITI !

Ogni anno è sempre la stessa storia :


" Metti sul 5 che c'è Giuliacci ! "
" E il meteo regionale .. quello su RAI3..cosa dice? "
" Hai controllato anche meteo.it su internet ?
Ma a che ora hai l'hai guardato ? Magari è cambiato.. "

e poi..

Analisi dei vinaccioli,
acidità,
zuccheri,
prove continue col refrattometro per quantificare il grado alcolico

e ancora..

" Oddio.. hai visto che disastro la grandine a Imola ? "
" Non ho chiuso occhio stanotte.. ho sognato che grandinava anche a San Biagio Vecchio, l'Albana diventava marrone, si spappolava e marciva tutta.."

Un'ansia che mai !

Questo è il PRE VENDEMMIA, figuratevi il resto.

Dopo innumerevoli consultazioni ci siamo decisi.
Mercoledì 22 Settembre a San Biagio Vecchio è iniziata la VENDEMMIA 2010.

La giornata è stata bellissima : cielo terso di un azzurro quasi abbagliante
e un dolcissimo sole caldo, di quelli che asciugano le ossa!
Cosa chiedere di meglio?



Il primo della lista, a discapito di ogni previsione, è stato il Sangiovese della Vigna Nuova.
Il piccolino di casa, alla sua seconda vendemmia, ci ha regalato delle uve splendide, sane, con buccia spessa e grappoli piuttosto spargoli . Le cure e le attenzioni che Andrea ha riservato a questa piccola vigna di appena un ettaro sembrano proprio siano valse a qualcosa.




La vigna ha prodotto circa 48 quintali di uva.La raccolta è avvenuta a mano,in cassette ed i grappoli sono stati subito vinificati.Per chi non ci conoscesse, è importante ricordare che la nostra minuscola Cantina si trova esattamente al centro del podere sulla sommità della collina di San Biagio Vecchio,mentre le vigne che ci circondano degradano dolcemente giù per il pendio con esposizione a sud est.
Inevitabilmente la strada che separa le vigne dal nucleo operativo della Cantina è davvero breve!



Abbiamo suddiviso il mosto del Sangiovese in piccoli tini da 7hl ciascuno per permettere un contatto maggiore con le proprie bucce, garantendo così un'estrazione ottimale di colore e tannini.
Al momento il Sangiovese della Vigna Nuova sta portando a termine la sua fermentazione : ormai gli zuccheri sono quasi a secco e presto svineremo.
Vorremmo farvi sentire che profumo al mattino quando apriamo i tini, rompiamo il cappello delle vinacce e mescoliamo delicatamente il mosto !


Veniamo invece alla nostra amatissima Albana, in arte SabbiaGialla.
Venerdì 23 Settembre, a fronte di una perturbazione minacciata in un lungo e in largo da tutti i media, abbiamo deciso di raccogliere una prima selezione di Albana.
MATURAZIONE è la parola d'ordine quando ci accingiamo a raccoglierla. E' necessario scegliere grappolo per grappolo solo l'Albana realmente matura.
Non è affatto semplice perchè l'Albana è davvero birichina : un'unica pianta è capace di offrire un grappolo maturo, uno verdissimo e uno che da un lato è maturo poi lo giri ed è verde pisello. Sfidiamo chiunque a non andare in confusione !
La prima raccolta, proveniente dal vigneto di fronte alla Cantina, si aggira sui 21 quintali. Tutto il resto è ancora in pianta perchè ancora non ha raggiunto la piena maturazione.
Speriamo che il meteo non faccia scherzi e ci sostenga.

I 21 quintali che abbiamo raccolto manualmente sono stati vinificati con aggiunta di ghiaccio secco, elemento fondamentale che ci permette di lavorare i grappoli a temperatura bassissima evitando le ossidazioni tipiche dell'Albana.
Che effetto vedere il ghiaccio secco sublimarsi e avvolgerci tutti quanti in una nuvola !

Come lo scorso anno abbiamo ripetuto la criomacerazione : il mosto è rimasto a contatto con le proprie bucce a temperature bassissime per 3 giorni.
Il freddo ha impedito l'innescarsi della fermentazione alcolica e ha permesso di estrarre terpeni ( le molecole responsabili del profumo ) dalle bucce.
Domenica 26 Settembre di buon mattino Andrea è salito a San Biagio Vecchio con un obiettivo ben preciso: svinare l'Albana.
Che lavoraccio!
In sostanza si tratta di separare le bucce dal mosto : tutto finisce in uno sgrondatore che filtrando dolcemente separa il mosto fiore dalle bucce. Le bucce e i vinaccioli vengono torchiati ed eliminati mentre il mosto fiore viene riposto in una vasca d'acciaio, pronto per la fermentazione alcolica.
Per fare tutto questo in cantina c'è uno snodo ti tubi, pompe e secchi che non stiamo neanche a raccontarvi!

Al momento siamo molto soddisfatti : le uve che abbiamo raccolto erano perfettamente sane e mature.
Quest'anno certamente non si ripeteranno le grandi gradazioni alcoliche delle scorse vendemmie.
L'annata è stata molto fresca . La neve caduta quest'inverno è stata preziosa per ricreare le risorse idriche nella profondità del terreno. Le piogge e le notevoli escursioni termiche dell'estate appena trascorsa ci daranno vini meno muscolosi ma certamente più fini ed eleganti.
Inrociamo le dita perchè la partita non è ancora chiusa : dobbiamo raccogliere ancora il Centesimino e il Sangiovese del Serraglio!!

C'è un'altra news importantissima :
a partire da questa vendemmia ci avvaliamo anche della preziosissima collaborazione di Gabriele Balducci, cugino di Andrea, laureato in Viticoltura ed Enologia.
"Lele" si sta rivelando davvero un aiuto fondamentale ed è veramente entusiasmante poter lavorare insieme.
Grazie Lele, siamo felicissimi di averti al nostro fianco !

In questi giorni siamo indaffaratissimi ma se non sapeste proprio cosa fare e foste presi dal desiderio insaziabile di godere dei profumi della vendemmia
veniteci a trovare :
le porte della Cantina sono sempre aperte a tutti!


per visualizzare TUTTE LE FOTO della vendemmia clicca QUI